Traduttore

"Se fossi una stella
mi metterei davanti alla finestra
per contemplarti, sognando la
libertà, la pace, la diversità e l'amore."

Il sonno per aiutare la memoria

In Germania, un gruppo di neuropsicologi della Saarland University ha dimostrato che un piccolo riposo di appena 45 minuti, può migliorare in modo significativo fino a cinque volte, la conservazione nella memoria delle cose che si sono apprese. Lo studio degli neuropsicologi ha dimostrato anche che, un sonno breve che va dai 45 a 60 minuti, produce un miglioramento di almeno cinque volte nel ritrovamento delle informazioni dalla memoria. 

Meditazione: bastano cinque minuti al giorno

Deepak Chopra, scrittore e medico indiano, definisce la meditazione una pratica che permette di attivare il pieno controllo del corpo e della mente fino alla realizzazione spontanea del benessere psicofisico. Come ci si può instradare in un mondo che si presenta complesso? Chopra afferma:" La soluzione è molto semplice: ogni giorno mettetevi seduti restando immobili e in silenzio, per cinque minuti rivolgendo alla vostra attenzione (mente) e al vostro cuore alcune domande che potrebbero essere: chi sono io? Cosa voglio per la mia vita? Cosa desidero oggi dalla mia esistenza? Lasciatevi andare e permettete alla vostra voce interiore, ossia al flusso della vostra coscienza, di fornire le giuste risposte. Proviamo?  

Chiropratica e il benessere psicologico

Nella vita di tutti i giorni, lo stress implica anche un ridotto adattamento ai cambiamenti dell'ambiente, come può succedere anche quando si è in vacanza. Generalmente, i chiropratici (specialisti che praticano la chiropratica) affermano che il corpo umano tende a bloccarsi nei periodi di forte stress causato, ad esempio da un trasloco, da un cambiamento di lavoro, da una situazione famigliare oscillante oppure dal ricordo di un trauma subito. Quando il nostro corpo percepisce queste situazioni di disagio, provoca una condizione fisiologica di difesa, e lo si avverte tendono a contrarsi, a chiudersi e la colonna vertebrale diventa rigida. Un disturbo a livello della struttura vertebrale agisce sul cervello e si rispecchia sulla psiche. E' molto importante conservare la colonna vertebrale nello stato perfetto, migliorando la mobilità e riducendo l'infiammazione. Se il fisico sta bene anche il benessere emotivo e psicologico ha una maggiore resistenza agli stress.

Il Loto Indiano

Il Loto Indiano (Nelumbo Nucifera) è un genere di fiore nativo dell'Asia e dell'Australia. Appartiene alla famiglia delle Nelumbonaceae e si contraddistingue da enormi foglie rotonde a forma di scudo a lamina tonda, coperte completamente da un rivestimento ceroso idrorepellente che costringe l'acqua a scorrere via creando tante goccioline, grazie all'alta tensione superficiale presente sulla foglia. Il Loto Indiano ha un profondo significato religioso sia per i Buddisti che per gli Indù perchè rappresenta la bellezza, la purezza e la divinità. Per quanto riguarda gli Induisti, la dea Lakshmi, moglie di Vishnu, pura come la fortuna e il benessere che la raffigura, molto spesso viene dipinta seduta su un fiore di Loto Indiano. Tutte le divinità Buddiste sono raffigurate, nei dipinti, sedute sui fiori di Loto Indiano che simboleggiano la purezza mentre i petali esprimono la varietà degli universi sui quali governano le divinità raffigurate.

Il Breathwork Counseling

E' un procedimento semplice, efficace ed elastico che unisce a se due forti strumenti: il respiro usato da sempre come metodo per accedere alla conoscenza interiore di se stessi e l'ascolto dello stato di empatia degli altri. Questa tecnica è adatta per coloro che hanno bisogno di fermarsi un attimo e riprendere fiato dalla vita caotica per la quale vivono, per essere aiutati a ritrovare la fiducia in loro stessi, per imparare a curare, nella maniera più facile ed efficace, le emozioni e i pensieri, ed infine per farsi ascoltare, rispettare e valorizzare dalla società. La possono eseguire anche coloro che scoprono nel respiro un alleato fedele, una sorgente di creatività e di benessere, avere la sensazione di sentirsi più vivi, più sani, più presenti nella vita, si sentono più liberi di esprimere se stessi ed infine, di sentire di più l'unione tra: Corpo, Mente, Cuore ed Anima. Attraverso il Breathwork Counseling si può sviluppare la coscienza di se stessi, a livello fisico, emozionale, mentale e spirituale, per dare un senso positivo di crescita alla propria esistenza.

Aforisma Confuciano

Esistono tre modi per imparare la saggezza: 
Riflessione è il metodo più nobile.
Imitazione è il metodo più facile.
Esperienza è il metodo più amaro.
La nostra gloria maggiore non consiste
nel non sbagliare, ma nel risollevarsi 
ogni volta che cadiamo.

Aforisma di Lao Tzu

Colui che conosce gli altri è sapiente,
colui che conosce se stesso è illuminato,
colui che vince un'altro è potente,
colui che vince se stesso è superiore.
La via del saggio è agire ma non 
competere. Non cercare di splendere


come la giada, ma si semplice come la pietra.

Aforismi sui gatti

Al pari di un grazioso
vaso, un gatto, quando
se ne sta immobile,
sembra ondeggiare.
Tutto quello
che un gatto
è e fa fisicamente
risulta ai miei occhi
più bello, amabile,
stimolante,
tranquillante,
attraente e incantevole.
L'idea che i gatti hanno
della comodità
è assolutamente 
incomprensibile


per gli esseri umani.

Aforisma Confuciano

Le stelle sono buchi da cui filtra la luce dell'infinito.
In qualsiasi direzione vai, vacci con tutto il cuore.
Esistono tre modi per imparare la saggezza:

  1. Riflessione, è il metodo più nobile.
  2. Imitazione, è il metodo più facile.
  3. Esperienza, è il metodo più amaro.

Aforisma di Lao Tzu

Un albero il cui  tronco si può a malapena abbracciare
nasce da un minuscolo germoglio.
Una torre alta nove piani incomincia
con un mucchietto di terra.
Un lungo viaggio di mille miglia si
comincia con muovere un piede.
La via del saggio è agire
ma non competere.

Aforisma di Osho

Il reale è sempre imprevedibile ed è sempre caotico.
Qualsiasi ordine è imposto con la forza.
Nel caos esiste un ordine spontaneo che ha una sua
bellezza. Ma, poichè è imprevedibile, non può essere
controllato e l'ego ne resta spaventato. L'ego vuole
sempre controllare ogni cosa: ama l'ordine e ha paura del caos.
Il caos è la morte dell'ego, ma il divino è caos ed è imprevedibile.
Sprigiona la tua realtà!

Reiki

Mentre camminava da solo lungo la spiaggia vedeva due impronte, una sua, l'altra di Dio. Durante un momento di depressione e di tristezza profonda vide solo un'impronta. Pensando di essere stato lasciato solo, cominciò a disperarsi e a chiedersi perchè Dio lo avesse abbandonato. L'Infinito gli rispose:"Non ti abbandonerei mai. Quando vedi un'impronta sola vuol dire che ti sto portando in braccio". Questo è un racconto inciso su un antico portale di una chiesa umbra. Il Reiki è una pratica spirituale usata come forma terapeutica alternativa, per il trattamento di malanni fisici, emozionali e mentali. Nel 1988, in base a una serie di studi clinici sul Reiki, è stato stabilito che, non c'è nessuna altra prova dell'efficacia del Reiki nel trattamento di una qualsiasi patologia curativa. Il Reiki è definito "Energia d'Amore" che aiuta a superare le difficoltà fisiche e mentali; ma si può anche definire "l'ascensore" inteso come aiuto a diventare meno faticosa la conquista di una graduale trasformazione del proprio essere. 

Reiki....La storia

Mikao Usui, nato in Giappone nel 1865, fu il fondatore del Reiki, nella versione tradizionale, orientale e occidentale. Iniziò a sviluppare la pratica del Reiki dichiarando di aver ricevuto il dono di curare, dopo tre settimane di digiuno e meditazione sul Monte Kurama. Oggi, chi pratica il Reiki, usa una tecnica simile alla "imposizione delle mani", dichiarando che regola le energie terapeutiche. Il dr. Usui, prima di conoscere e praticare il Reiki, era un discreto uomo d'affari e successivamente, segretario privato di un politico giapponese. Un giorno, decise di dedicare la sua vita ad una avvertita e profonda ricerca spirituale con l'anima al buddismo dell'ordine di Mikkyo e presso dei lama tibetani. Ecco una citazione del dr. Usui tratta dal suo manuale sul Reiki: "Il Reiki è l'eredità spirituale di tutti gli esseri viventi e non può essere, e non sarà mai, di dominio esclusivo di un gruppo di persone".

Aforisma di Yogananda

Cercare all'esterno la felicità di noi stessi è come cercare di prendere al laccio una nuvola. La felicità non è una cosa della mente, dev'essere vissuta. La mente è come un miracoloso elastico che si può stendere all'infinito senza che si strappi. Se vuoi essere triste nessuno al mondo può renderti felice, ma se decidi di essere felice nessuno e niente può toglierti la felicità.

Aforisma di Jung

A perdere potere si guadagna in serenità. Chi evita l'errore elude la vita. E' un peccato che noi teniamo conto delle lezioni della vita soltanto quando non ci servono più a niente.

Aforisma di Osho

Il fiore di Loto è un simbolo profondo in Oriente, perchè l'Oriente afferma che dovresti vivere nel mondo, ma senza farti contaminare da esso....Esso cresce dal fango nell'acqua, tuttavia resta incontaminato dall'acqua. Ed è simbolo di trasformazione: il fango si trasforma nel fiore più bello e fragrante che questo pianeta conosca. Ci si distrae per motivi innaturali. I soldi, il potere, la politica. Ascoltare il canto di un uccello non dà soldi, ne potere ne gloria. Guardare una farfalla non aiuterà economicamente, politicamente, socialmente. Queste cose non pagano, ma rendono felici. Una persona autentica, ha il coraggio di seguire ciò che lo rende felice. 

Psicologia indovedica

E' la psicologia tradizionale dell'India insieme alle scienze dello yoga e dell'Ayurveda. La sua conoscenza ci indica il concetto del concreto sviluppo armonioso della personalità umana in tutti i suoi sviluppi: fisici, psitici e spirituali. E' importante, per l'essere umano, ottenere con l'equilibrio di questi tre concetti appena citati, il ripristino della totale salute fisica e ottenere una superiore consapevolezza mentale. 

Psicologia e Terapie Indovedica

L'avvicinamento nella terapia della tradizione indovedica dice come figura rappresentativa"che l'essere umano è il microcosmo in un universo in se. Salute e malattia s'interpretano in chiave olistica prendendo in considerazione l'esplicita relazione esistente tra la Coscienza Cosmica e l'individuo, tra l'energia e materia". Ridimensiona tutte le energie del corpo, i passaggi dell'alterazioni fisiche, le malattie si possono ridurre, alleviare dopo le cure. Da Oriente ad Occidente ci sono diverse tipologie di concetti riguardanti sia la cura che il curarsi, questa nuova terapia stimola la vasta comprensione dei vari concetti di guarigione delle tecniche curative tradizionali nei giorni nostri. 

Aforisma Confuciano

Ho imparato che la calma è molto più instabile della rabbia, che un sorriso disarma molto più di un volto contratto, ho imparato che il silenzio di fronte ad una offesa è un grido che fa tremare la terra. Ho imparato che come un amore rifiutato non si perde ma torna intatto a colui che voleva donarlo. 

Alexander Lowen

E' impressionante il numero di pazienti che vivono per anni sotto analisi e che passano da un analista all'altro senza risolvere in alcun modo la loro sofferenza, la loro insoddisfazione, i loro problemi reali.
Il problema che la psicoanalisi si trova a dover affrontare nasce dal fatto che l'analista si occupa di sensazioni corporee e di percezioni corporee a livello verbale e mentale, poiché materia dell'analisi sono i sentimenti e il comportamento dell'individuo. Le idee, le fantasie e i sogni sono esaminati solo in quanto strumenti per comprendere a fondo le sensazioni e per influenzare il comportamento.
Se Freud non riuscì a individuare un metodo terapeutico per rendere operante questa idea, il fallimento può essere ascritto alla difficoltà inerente al rapporto corpo-mente. Finché persiste la tesi del dualismo corpo-mente, la difficoltà resta insuperabile.
Gli analisti conoscono l'identità di molto processi somatici con i fenomeni psicologici, i riferimenti abbondano nella medicina psicosomatica. Implicito in questa identità è il concetto che l'organismo vivente si esprime più chiaramente con il movimento che non con le parole. Ma non solo col movimento! Nelle pose, nelle posizioni e nell'atteggiamento che assume, ogni gesto, l'organismo parla un linguaggio che anticipa e trascende in verbale.
Se struttura corporea e temperamento sono correlati, come può verificare chiunque studi la natura umana, ci si domanda: si può cambiare il carattere di un individuo senza che si verifichino dei cambiamenti nella struttura del corpo e nella sua mobilità funzionale? Per converso, cambiando la struttura e migliorandone la motilità, possiamo introdurre nel temperamento quei cambiamenti che il paziente chiede?
Nella sua espressione emotiva l'individuo è un'unità.
Ecco dunque un segno del relativo fallimento della psicoanalisi. Essa aiuta relativamente poco a capire i perché di un comportamento. L'individuo che ha paura di tuffarsi può sapere perfettamente che non si farà alcun male. Dobbiamo capire e imparare a superare la paura del movimento.
La conoscenza è il preludio dell'azione. Per essere più efficace, la terapia analitica dovrebbe preoccuparsi sia della comprensione che del movimento all'interno della situazione terapeutica. I principi della teoria e della tecnica che formano la struttura di questo nuovo approccio costituiscono quelle che noi chiamiamo Analisi e Terapia Bioenergetiche.
Il terapeuta bioenergetico analizza non solo il problema psicologico del paziente, come farebbe qualsiasi analista, ma anche l'espressione fisica di quel problema così come si manifesta nella struttura corporea e nei movimenti del paziente.
Nella terapia bioenergetica, il contatto fisico mette più chiaramente a fuoco sia il transfert che il controtransfert.
Il transfert era ed è tuttora basato sulla proiezione di desideri e timori sessuali repressi sulla persona dell'analista.
Comunicare un'interpretazione è in sé un'interferenza attiva con l'attività psichica del paziente; orienta i pensieri verso una direzione ben precisa e facilita l'affiorare di idee cui la resistenza avrebbe altrimenti impedito di arrivare a livello conscio.
"Sembra esistere una certa relazione tra la capacità generale di rilassare la muscolatura e la libera associazione". [Ferenczi]
I problemi caratteriali si differenziano dai sintomi nevrotici in quanto in essi "manca l'introspezione nella malattia". Ferenczi paragonò il carattere a una "psicosi privata tollerata, non riconosciuta dall'Io narcisista, alla cui modifica si oppone principalmente lo stesso Io."
La rigidità muscolare non è soltanto il "risultato" del processo di repressione. Se il disturbo psichico contiene il significato o lo scopo della repressione, la rigidità muscolare ne spiega il modo di agire, ed è il meccanismo della repressione. Poiché i due fenomeni sono immediatamente connessi nell'unità funzionale dell'espressione emozionale, si può costantemente osservare come "lo scioglimento di un irrigidimento muscolare non solo libera energia vegetativa, ma riproduce anche quella situazione nella memoria in cui la repressione della pulsione si era verificata".
Il carattere dell'individuo, quale si manifesta nel suo modello tipico di comportamento, si configura anche a livello somatico con la forma e il movimento del corpo. La somma totale delle tensioni muscolari viste come gestaltiche, cioè come una unità, il modo di muoversi e di agire, costituiscono la "espressione corporea" dell'organismo. L'espressione del corpo è il complesso somatico dell'espressione emozionale tipica che a livello psichico si definisce come "carattere".
Lavoriamo sull'ipotesi che nel corpo umano è presente un'energia vitale, comunque essa si manifesti, e cioè in fenomeni psichici o in movimenti somatici. Definiamo questa energia semplicemente "bioenergia".      

Il viaggio

Il viaggio alla scoperta della propria voce interiore per raggiungere l'estasi di essere se stessi. Accetta la responsabilità di te stesso, e vedrai che accadrà il miracolo. Un giorno, all'improvviso, riuscirai a vederti sotto una luce del tutto nuova, come non ti sei mai visto prima. Quel giorno sarai veramente nato. 

I gatti

Amo i gatti, non mi stupiscono mai e mi piacciono i gatti. Sono molto più semplici e molto più bravi ad essere gatti, che noi ad essere umani. Il divertimento principale per un gatto è di farsi beffe degli umani. Stendere la mano nel buio e toccare un gatto è un conforto per una mente preoccupata. Scivolare sul tavolo, chiudersi nei cassetti, cadere dalle mensole....Un parco giochi per gatti. Anche il gatto più gentile ha una gamma impressionante di parolacce nel suo vocabolario. Un gatto non si annoia mai. 

Respirazione Olotropica e la sua funzionalità

La respirazione olotropica è una tecnica che utilizza la musica, in particolar modo i suoni evocativi, etnici, sciamanici, tribali e meditativi. La musica è la guida del respiro in varie fasi: la prima fase attiva il respiro e i primi chakra, la seconda fase è di esplorazione delle esperienze, guidata dall'attivazione del chakra centrale e di quelli superiori, nella terza fase si va sempre più in profondità, verso uno stato di completa pace interiore, per mezzo di melodie meditative si arriva ad un tipo di sonno yogico (rilassamento più profondo dello yoga). Alcune volte la persona che guida il gruppo nella respirazione olotropica, interviene sul corpo di ognuno, attraverso facili movimenti per aiutare il soggetto, a superare blocchi o dolori fisici. 

Respirazione Olotropica

Si tratta di una tecnica energetica esclusiva di respirazione lavorata da Stanislav Grof, psicologo e ricercatore nel ramo degli stati non ordinari di coscienza, artefice del concetto "mente olotropica". Questo genere di respirazione è adatta per chi desidera iniziare una via nuova di evoluzione della coscienza, resa possibile per mezzo di un procedimento naturale che riguarda la respirazione. In questo caso, la tecnica di respirazione olotropica, permette un auto-esplorazione del soggetto, che richiama il potenziale di energia, di guarigione naturale della psiche e del suo "io" interiore. In base ai concetti di Grof, le esperienze che affiorano, nel corso dell'attivazione dell'inconscio, nella respirazione olotropica, sono benefiche perchè aiutano a liberare i blocchi emotivi. La respirazione circolare, rebirthing e il respiro collegato integrato o cosciente, sono le basi dalla quale lo psicologo Grof, ha iniziato a lavorare per mettere a punto la sua respirazione olotropica.

Energia Tibetana

L'energia tibetana lavora sull'energia dei meridiani, secondo la medicina cinese e la legge dei cinque elementi (raccolta di prescrizioni rituali che spiegano i significati dei riti), si eseguono dei test muscolari che permettono di stabilire se c'è lo stress, se manca o c'è un eccesso di energia. Ai test preparatori seguono le probabili correzioni, che consistono in un riequilibrio energetico, con svariati metodi, in modi personalizzati. L'energia tibetana è un tipo di energia elettromagnetica che fluisce in tutte le aree del nostro corpo. Riequilibrare questa energia, rinforza il sistema immunitario e aiuta nei movimenti articolati bloccati. Anche la coordinazione, il campo visivo, l'apprendimento e l'energia vitale si possono migliorare grazie al riequilibrio delle emozioni ferme, attribuite alla parte del corpo interessata. 

Touch for Health - Energia Tibetana

Il Touch for Health è un metodo dove è possibile scoprire la causa dello squilibrio dell'energia vitale, grazie ad un test della forza muscolare che riscontrerà la debolezza di alcuni muscoli che saranno la causa dello squilibrio. E' una metodologia adatta per liberarsi dal dolore, dallo stress, dalla instabilità emozionale, dai dolori del collo e della schiena, dall'emicrania e dall'insonnia. Il Touch for Health è utile per analizzare le intolleranze agli alimenti, alle insufficienze alimentari, alle debolezze dei muscoli, alle bevande e agli squilibri nascosti dell'energia vitale del corpo. Si basa sulla lavorazione attraverso l'energia dei meridiani, secondo la medicina cinese e la legge dei cinque elementi, si fanno dei test muscolari che permettono di stabilire se in quella parte del corpo c'è stress, mancanza o eccesso di energia.

Osteopatia Fluidica

Il metodo Poyet nella Osteopatia Fluida, permette la rimessa in forma, con un criterio di logica, della catena Cranio-Colonna-Bacino. E' un tipo di metodo che permette di rimettere in "asse" il paziente in maniera che egli possa ricevere correttamente energia nel suo corpo. Un uso continuativo aiuta a togliere con molta efficacia, gli effetti di contrasto dei differenti stress che si sono memorizzati nel corpo. L'osteopatia fluidica è utilissima nei casi di problemi vertebrali o articolari, nell'emicrania e nei disturbi dell'equilibrio, nei casi d'istabilità neuropsichiche, nella depressione, nei traumi emozionali, nello stress, nell'ansia, negli attacchi di panico, nei disturbi digestivi e nei dolori muscolari. Il concetto è semplice: la sfera del cranio è come una parabola che riceve e decodifica le informazioni, mandandole al corpo. Tutte le anomalie delle ossa, dei muscoli o degli organi, si leggono per mezzo della palpazione del cranio e la pulsazione fluidica. Attraverso una reattività fluidica, tutte le anomalie si possono correggere sul sacro. Il metodo si basa sulla leggera manualità che accompagna il movimento delle dita sul corpo, lavorando sulla parte che ha generato il problema.

Il meccanismo della mente

La mente è uno splendido meccanismo, usiamolo ma non facciamoci usare. E' al servizio dei sentimenti perchè se il pensiero serve i sentimenti, tutto è in equilibrio. Nel nostro essere nasce profonda quiete e gioia. Se sei capace di essere, è l'unico modo di crescere. Se sei nel presente, sei sul cammino della crescita. 

Il metodo Feldenkrais

"Un cervello senza corpo non può pensare". Definito come un metodo di auto-educazione attraverso il movimento corporeo, il metodo Feldenkrais prende il nome dallo scienziato, fisico e ingegnere israeliano Moshè Feldenkrais che lo ideò. E' una tecnica che aiuta ad imparare, attraverso il movimento, nuovi modi per essere in collegamento con se stessi, con gli altri e con l'ambiente che ci circonda, individuando le proprie abilità e l'attitudine di scegliere le risposte più giuste, invece di agire in automatico restando limitati con i propri pensieri e abitudini. Il dr. Feldenkrais diceva che il movimento è il mezzo più diretto per evidenziare l'attenzione su "quello che noi non sappiamo di non sapere", iniziando dall'idea di unità, mente e corpo, decise di usare il sistema neuromotorio per migliorare tutte le funzioni vitali. 

Stimolazione Neurale

Tecnica naturale ed efficiente non ha effetti collaterali, la stimolazione neurale usa l'energia bio-elettromagnetica che il nostro corpo produce, attraverso una stimolazione cosciente di alcuni punti che si trovano sul cranio e nella colonna vertebrale, accelerando le attività della rete neuronale, con una mossa rigenerante sulle cellule. Attraverso corsi teorici e pratici, il paziente impara a realizzare l'auto-applicazione di stimolazioni, della durata di soli 5 minuti al giorno e impara l'utilizzo consapevole delle proprie mani per produrre efficaci benefici alla salute. I principi base della stimolazione neurale sono collegati alla medicina orientale e si basa su una serie di facili esercizi di respirazione e meditazione, associati dalla stimolazione che si forma sui centri vitali del nostro corpo che controllano le funzioni dei diversi organi. Questo tipo di tecnica può risolvere ogni problema fisico fino a riuscire ad equilibrare e attenuare il dolore del punto trattato, ma si può usare anche a livello di prevenzione perchè migliora totalmente le sofferenze fisiche e psichiche aiutando a migliorare la qualità della vita. 

Jin Shin Do

Le emozioni trattenute, i comportamenti controllati, un fisico rigido e scordinato sono fonte di energia sprecata a frenare emozioni negative che non siamo capaci a trasformarle in qualcosa di positivo. Tecnica di digitopressione delicata e semplice, il Jin Shin Do associa una pressione leggera ma allo stesso tempo profonda che si applica sugli medesimi punti usati anche in agopuntura. Nello Jin Shin Do si usa la pratica del Body Focusing (focalizzazione della mente sui punti), affinchè si arriva al rilassamento delle tensioni, ripristinando la "vitalità corporea". Questa è un tipo di tecnica che riunisce una serie di aspetti di psicologia moderna occidentale, l'esperienza e la saggezza orientale. Le pressioni con le mani sono di tipo statiche e delicate, vengono applicate per circa tre minuti. Il soggetto che si presta alle cure attraverso il Jin Shin Do, rimane vestito, disteso su un lettino da massaggio, mentre il praticante della tecnica è seduto vicino a lui. 

Patners