Traduttore

Parole d'Amore

  • Tinte Naturali - Hennè - La metodologia più conosciuta è di sicuro l'hennè, un estratto vegetale ottenuto dalle foglie di Lawsonia Inermis, pianta di natura nordafricana in grado ...
    1 settimana fa
  • Colomba Vegana - Ingredienti per 8 persone, per uno stampo di 750 grammi - *400 grammi di farina di grano khorasan* - *300 ml di acqua tiepida* - *100 grammi di li...
    2 settimane fa
  • Il colore dei cibi - Si è sempre conosciuto dell'importanza di frutta e verdura nell'alimentazione quotidiana*, ma lo sapevate che il cibo consumato giornalmente con più regol...
    1 settimana fa
  • Ushnodaka - Nella Ayurveda è ben famosa la millenaria pratica di bollire l'acqua fino a diminuire di tanto il volume. *Si pensa che, facendo così, l'acqua si carichi ...
    2 giorni fa

Omeopatia

Che cos'è l'omeopatia?
E' una terapia basata sulle proprietà terapeutiche naturali dell'organismo, e consiste nel dare al malato, a piccole dosi, la medesima sostanza che sperimentata sull'uomo sano, riproduce i sintomi osservati. L'omeopatia è fondata su due principi fondamentali: la legge dei simili e la dose infinitesimale (ramo della matematica che studia le teorie istituite sul concetto di limite). Il principio di somiglianza afferma che qualunque sostanza somministrata in forti dosi a una persona sana, può causare specifici disturbi; al contrario se somministrata a basse dosi, può far scomparire gli stessi disturbi presenti in un soggetto malato. Questa legge è stata pronunciata da Hahnemann, fondatore dell'omeopatia nel 1796, ma anche il grande Ippocrate (medico greco) aveva enunciato un principio simile. Ogni cura omeopatica agisce in maniera differente e in base al dosaggio. Il rimedio somministrato a piccole dosi causa nell'organismo una malattia artificiale che può battere la malattia naturale. Ma, per far si che questo accada, è essenziale che la cura omeopatica riproduca dei sintomi simili a quelli della malattia, cioè che sia affine alla malattia. Se la cura è stata data a dosi abbastanza minime, l'effetto primario e quasi nullo, al contrario, in dosi eccessive l'effetto secondario è in grado di provocare l'azione della forza vitale e di stroncare la malattia. Per esempio: l'arsenico ha una preferenza per il sistema nervoso e l'intestino, la belladonna per la gola e la pupilla, il fosforo per le cellule epatiche e il mercurio per le mucose. Riguardo alle cure tradizionali, l'omeopatia considera il malato come una cosa unica, nel suo stato attuale, nel suo trascorso personale e in quello ereditario; e la malattia, qualunque sia, deve essere integrata nella storia complessiva del soggetto e delle sue caratteristiche biologiche. Le cure omeopatiche sono formate da sostanze di origine vegetale, minerale e animale che sono sottoposte a due particolari sviluppi: la diluizione (diminuzione della concentrazione di una sostanza) e la succussione (scuotimento del corpo).                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    


Nessun commento:

Posta un commento

  • Woga - Il benessere dello yoga con l’aiuto dell’acqua! Quando la sostanza vitale per eccellenza si mescola con un rituale antichissimo, stiamo parlando dello wo...
    6 giorni fa
  • Giornata della Salute - Coinvolgere sull’importanza di un corretto stile di vita e far conoscere le basi per una giusta prevenzione dei mali di stagione come le allergie, le intos...
    2 settimane fa

Patners

Archivio