Traduttore

giovedì 4 ottobre 2018

Thèrése Bertherat

È stata una fisioterapista francese, chinesiterapeuta che ha inserito l'antiginnastica con Françoise Mèziéres. Nel suo libro "Guarire con l'Antiginnastica" presenta un approccio al lavoro e allo studio sul corpo, diverso da quello della tradizionale chinesiterapia. Influenzata dai concetti di Ida Rolf, la Bertherat nel suo punto di vista, affermava che il corpo ha una memoria e un'intelligenza propria. L'Antiginnastica predice dei movimenti semplici e precisi che non sono imposti al corpo come nella ginnastica tradizionale. Essi sono invece proposti al corpo che li vive trovando una strada propria con lo scopo di liberare le memorie e le tensioni accumulate nei tessuti. 


sabato 22 settembre 2018

Patate Speciali

Ingredienti:
  • 600 grammi di patate novelle gialle
  • 200 ml di yogurt naturale
  • 80 grammi di semi di gomasio
  • 2 peperoncini verdi freschi
  • 1 cucchiaino di curry
  • ghi (burro chiarificato) quanto basta
  • prezzemolo fresco (quanto basta)
  • sale (quanto basta)
Preparazione: nella pentola a pressione lessare le patate intere con acqua e sale. Togliere le patate quando sono ancora ben solide e poi, lasciarle raffreddare. Sbucciare le patate, poi con una forchetta fare dei graffi per il verso lungo: le incisioni si devono vedere ma non devono essere profonde (servirà per far assorbire il condimento). Scaldare due cucchiaini di ghi, fare rosolare i peperoncini tagliati a fettine e aggiungere il curry. Togliere dal fuoco i peperoncini e insieme amalgamatevi lo yogurt, lasciare raffreddare. In una padella antiaderente scaldare abbondante ghi, ripassare le patate che, in precedenza, erano state incise e lasciatele dorare ben bene. Dopo la cottura, le patate vanno sgocciolate e passate nel gomasio ancora ben calde. Mettere nel vassoio le patate e ricopritele con lo yogurt speziato. Decorare con prezzemolo tritato. Lasciate riposare le patate per alcuni minuti prima di servirle.  

sabato 8 settembre 2018

Selene Calloni Williams

È una scrittrice e documentarista, autrice di moltissimi libri e documentari che trattano di psicologia e ecologia profonda, sciamanesimo, yoga, filosofia, antropologia. La sua caratteristica e risorsa è poter muoversi liberamente tra Oriente ad Occidente, grazie al fatto di aver avuto due eccellenti maestri, uno in Asia Michael Williams esperto di yoga e tradizioni sciamaniche e James Hillman affermato psicanalista e filosofo che Selene conobbe quando si trasferì in Svizzera. In Oriente, esattamente in Sri Lanka, Selene studia e pratica anche la meditazione buddhista Theravada nell'eremo della foresta del Venerabile Ghatha Thera e del Rev. Gotatuwe Sumanaloka Thero. Tornata in Europa si laurea in psicologia con una tesi sullo Yoga Integrale e ottiene un master in screenwriting presso la Napier University di Edimburgo. Selene Calloni Williams è anche una relatrice internazionale, ha partecipato a numerosi convegni e congressi a fianco di grandi personaggi come James Hillman, Raimon Panikkar e Karan Sing. Tra i suoi libri più celebri vi è Mantra Madre che presto sarà pubblicato anche in lingua inglese per il mercato Britannico e Americano; Lo zen e l'arte della ribellione; Discorso alla luna e Il profumo della luna.  

giovedì 23 agosto 2018

Elisabetta Elliott

Nata in un paesino dell'Italia centrale, Elisabetta Elliot fin da bambina, in compagnia di un'amica d'infanzia, passava il tempo libero all'aperto, giocando in campagna e interagendo con animali selvatici e insetti. In quella occasione iniziò a fare esperienza della straordinaria sensazione di comunione con la natura e con tutte le forme di vita. Da adolescente iniziò ad avere sogni premonitori che la portarono poi, a cominciare un percorso di ricerca spirituale. All'età di 19 anni si trasferì in Inghilterra e ci rimase per un pò di anni. Li venne a conoscenza con le antiche tradizioni celtiche che, ancora oggi, si diffondono nell'atmosfera delle Isole Britanniche che, in precedenza, la guidarono al mondo magico di cui aveva fatto esperienza da bambina, lasciando un apprendimento profondo nel suo modo di vedere la vita. Ritornata in Italia, iniziò a collaborare con alcune associazioni animaliste, occupandosi di animali randagi o in attesa di adozione. Il bisogno di spazi più grandi per gli animali che, nel frattempo aveva adottato, la portò a trasferirsi in un'area remota dell'Appenino Centrale, dove sviluppò un senso di collegamento ancora più profondo con la natura. Acquisì le tecniche di comunicazione telepatica con gli animali in uso negli Stati Uniti d'America e le inserì in Italia. Oggi si dedica all'insegnamento della pratica Reiki.    

venerdì 17 agosto 2018

Il soffritto in Ayurveda

Il soffritto, nella cucina italiana è la base di parecchie preparazioni culinarie ed è utilizzato per regalare sapore e intensità al gusto della pietanza; spesso però se non viene cucinato correttamente, con spezie, grassi e condimenti adeguati, il soffritto tende ad appesantire le pietanze e a renderle poco digeribili. Il soffritto preparato secondo i principi ayurvedici è cucinato con diverse spezie (Masala), aromi e Ghee Gruta o olio, allo scopo di facilitare la digestione, alleggerire la pesantezza dell'olio stesso e allo stesso tempo dare sapore al cibo. Questo tipo di soffritto può diventare la base di partenza delle preparazioni o si può aggiungere alle pietanze al termine della cottura. La presenza delle diverse spezie risulta essenziale per modificare le proprietà di questa preparazione, rendendola leggera ed equilibrata anche dal punto di vista energetico. La preparazione è molto semplice: basta pulire e tagliare la cipolla, l'aglio in piccoli pezzettini. Riscaldare il Ghee Gruta o l'olio di oliva o di sesamo, in una padella e quando sono caldi, aggiungere il Masala e miscelare per alcuni secondi. Dapprima aggiungere cumino, fieno greco, soia nera o verde (o in alternativa altre spezie a seconda del gusto) e poi, quando le spezie sono ben riscaldate, aggiungere le erbe aromatiche (foglie di curry, salvia, rosmarino), l'aglio e per finire la cipolla; mescolare spesso finchè la cipolla non risulta dorata. Cipolla e aglio possono essere, in base al gusto, anche non usate, in questo caso si utilizzano soltanto il Masala e le spezie.